California

101 Hollywood
©StefaniaRosini.com

Driving down the 101 California here we come right back where we started from (Phantom Planet, California)

California significa prima di tutto Los Angeles. Quando arrivi in aereo per la prima volta la vedi sotto di te e la distesa di palazzi sembra non finire mai. Da Hollywood la distanza per arrivare a Santa Monica è di 13 miglia: per arrivare a vedere il mare serviva almeno mezz’ora, quando non c’era traffico. Erano belle, però, quelle strade dritte e fatte come una rete perpendicolare. Hollywood, a primo impatto, è uno squallore ma basta poco per trovare gli angoli più caratteristici e trovare il proprio spazio.
Da qui ho lavorato come corrispondente per l’agenzia Kika Press and Media, che lavora per l‘Ansa, Vanity Fair Italia, Tv Sorrisi e Canzoni, Best Movie e molti altri. Qui ho intervistato tutte le star che avevo sempre sognato, in particolare Kevin Costner, mio grande amore da bambina. Per lui sono volata fino ad Aspen, Colorado. Ma ci sono anche stati Michael C. Hall di Dexter, il cast di NCIS, dei vari CSI, di Desperate Housewives e Castle, gli attori che da decenni interpretano Beautiful e grandi nomi come Matt Damon, Robin Williams, Meryl Streep, Bruce Willis e Charlize Theron, la mia unica copertina su Vanity Fair e una delle interviste più belle.
Ero a Los Angeles quando è stato approvato per la prima volta il matrimonio gay, prima che fosse abolito e poi reintegrato, ho vissuto in parte la crisi e la speranza che aveva portato la prima elezione di Barack Obama, ho seguito i fan di Michael Jackson che aspettavano il funerale fuori dal cimitero e intervistato artigiani che producono cappelli, truccatori per il cinema, disegnatori Disney e Dreamworks.
A San Diego ho seguito il Comic Con e realizzato servizi dallo zoo safari, a San Francisco ho intervistato i discendenti di emigrati genovesi che hanno ristoranti e panetterie, ho cercato le ghost town nel deserto e passato diversi weekend a Las Vegas. Insomma, sono stati tre anni e mezzo intensi di cui ho molti ricordi e un grosso rimpianto: il clima che permetteva di stare in maniche corte anche a dicembre.

Leave a Comment