Milano

Lassa Pur Ch’el Mund El Disa, ma Milan L’e’ On Gran Milan

In un certo senso, da qui è cominciato tutto: davanti alla sede del Corriere della sera, in una giornata di pioggia: avevo nove anni e ho capito che avrei voluto lavorare lì dentro. Non è stato così, ma sempre a Milano mi sono laureata in Filosofia all’Università Cattolica. Ancora una volta, l’indirizzo che ho preso è cambiato in corsa e ho finito per fare la tesi in Storia del giornalismo, studiando in Germania il modo in cui diversi quotidiani della Repubblica di Weimar avevano affrontato l’ascesa del nazismo, a partire dalla fine della Prima guerra mondiale.
Ho passato altri due anni a Milano dopo essere entrata al Master in giornalismo, sempre alla Cattolica: era ottobre del 2003 quando mi hanno detto che ero arrivata 13esima, un numero che mi ha sempre portato fortuna, alle selezioni. Ho avuto bisogno di un attimo per capire che facevo parte dei venti selezionati. Fra il giornale online della scuola, che allora si chiamava Mag.com, e le lezioni con alcuni professori che mi hanno spiegato come si fa cantare un pezzo sono arrivata a dare l’esame a Roma, e dall’8 marzo 2006 sono professionista, iscritta all’Ordine della Liguria.
Nel frattempo, ho partecipato anche alle Olimpiadi invernali di Torino come membro del team dell’Olympic News Service. Ma qui si parla di Pragelato, ed è un’altra storia.

Leave a Comment